FacebookTwitter

La Storia della Famiglia Castelbarco

on Apr 8, 2019

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

I Castelbarco, una grande Famiglia e una grande storia che principia nel secolo XI o prima. Da Guglielmo il Grande, all’eccezionale carriera militare dei figli di Giovanni Castelbarco al servizio dell’Imperatore Massimiliano. I Castelbarco saranno Conti dell’Impero e diplomatici in Europa. Alla fine del Seicento s’insedieranno a Milano dove trarranno legami matrimoniali con i Visconti e altre grandi famiglie come Litta, Simonetta, Pindemonte, fino agli Albani di Urbino e Roma, grazie ai quali acquisiranno il titolo principesco.

Seguire la storia della Famiglia Castelbarco vuol dire attraversare successi e fallimenti, uccisioni ed eroismi, enormi ricchezze e sperperi, e al contempo vivere la storia d’Italia e d’Europa. Le lotte fra Guelfi e Ghibellini, la formazione delle Signorie, la lunga contesa fra Brandeburgo e Lussemburgo per la conquista del trono Imperiale, l’ascesa degli Asburgo, le terribili guerre all’inizio del cinquecento, di Venezia contro tutti. E poi le contese fra Spagna, Francia e Austria per la conquista dell’Italia e la supremazia in Europa, l’illuminismo milanese con le grandi figure delle donne colte e “nuove”. Nell’Ottocento il titolo principesco e l’adesione al nuovo Regno d’Italia.

I Conti di Castelbarco, famiglia che trae le proprie origini attorno all’anno 1000 d.c. nella Val d’Adige e nella Val Lagarina, dove sorgevano i loro castelli a baluardo delle invasioni dei barbari, alternavano le residenze di Imbersago e di Vaprio d’Adda per la villeggiatura estiva, dopo essersi trasferiti in Lombardia dal Trentino. La Famiglia cedette in seguito le proprietà di Vaprio e, nel 1978, trasferì la propria residenza da Milano, dove abitavano con i cugini Visconti di Modrone, ad Imbersago. Con il mutare delle condizioni e dello stile di vita, i Conti gestiscono ora direttamente la Proprietà di Imbersago, che si adatta ad ogni tipo di ricevimento e può soddisfare qualsiasi esigenza.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »